I protagonisti della nostra terra

La rassegna HOME presenta: "BERTOLT'S BREAK", 19-21 maggio, Teatro Foce di Lugano

VENERDÌ 19.05 E SABATO 20.05, ORE 20:30
DOMENICA 21.05, ORE 18:00
TEATRO FOCE DI LUGANO

Di: Silvia Villa
Con: Margherita Coldesina e Luca Maciacchini
Regia: Gianni Delorenzi
Scene: Paola Butti
Costumi: Erica Ferrazzini
Produzione: Femme Théâtrale, 2017


Lo spettacolo
Bertolt's Break è un dramma musicale che racconta una lunga domenica nella vita di Sibel e Ernst, due giovani artisti tedeschi rifugiati nella California degli anni '40. Attraverso la rielaborazione degli scritti di Bertolt Brecht sull'esilio, lo spettacolo s'interroga sul rapporto tra amore e sacrificio, egoismo e solidarietà, arte e politica. L'incessante dialogo tra Sibel e Ernst intreccia una trama fatta di riflessioni, canzoni e "sentenze" con cui i due protagonisti cercano di ricostruire una propria individualità artistica e umana alla luce della loro fuga dal Terzo Reich. Il trauma dell'esilio viene presentato come rottura del normale fluire quotidiano che proietta gli esuli in un universo geografico ed emotivo sconosciuto, fatto di insicurezze che vanno ad intaccare il cuore stesso dell'identità personale. Il titolo stesso, Bertolt's Break, racconta l'esperienza dell'esilio come una pausa forzata, dove lo sradicamento dell'individuo lo lascia esposto, fragile, in balia di forze più grandi di sé.

Cenni storici
Tra il 1941 e il 1947, Bertolt Brecht visse in esilio in California, dove si unì al circolo di intellettuali tedeschi sfuggiti dalla guerra che gravitava intorno a Santa Monica. La frizione tra il drammaturgo imbevuto di passione politica e pensiero radicale, e la solare California e le sue contraddizioni e atmosfere aliene viene raccontata da Brecht tanto nei suoi diari e nelle "Poesie dell'Esilio", che nelle "Elegie di Hollywood", una serie di poesie musicate dal compositore Hans Eisler. L'esperienza hollywoodiana di Brecht vide anche la produzione del suo unico film, "Hangmen also Die" (1943), diretto e prodotto da Fritz Lang, che il drammaturgo visse fino alla fine come un doloroso compromesso artistico dettato dalla sua precaria condizione di esiliato.

La Compagnia
Femme théâtrale è stata fondata nell'ottobre del 2007, su impulso dell'attrice Margherita Coldesina, in vista della prima produzione della Compagnia - il monologo "OLGA". Il nome nasce da un divertente gioco di parole: "Femme", infatti, oltre a "Donna", in lingua francese, in dialetto ticinese significa "Fame". Fame teatrale.
Femme théâtrale è anche un movimento libero e indipendente; il suo mandato è esclusivamente artistico (principalmente teatrale) e volto a produrre, promuovere e diffondere spettacoli, contaminazioni artistiche, incontri teatrali e sperimentazione. Nel corso degli anni femme théâtrale ha anche proposto stage di recitazione teatrale (narrazione) e cine-televisiva.
Gli artisti coinvolti possono pertanto cambiare a ogni produzione. Professionisti del teatro, del cinema, del settore audiovisivo, fotografi e stylist sono contattati in maniera mirata e, spesso, accompagnano la Compagnia anche una volta terminato il progetto per il quale sono stati convocati.
> www.margheritacoldesina.it

Prezzi
Biglietto intero: 20.– CHF / Con Lugano Card e Lugano Card City: 15.– CHF
AVS, AI: 15.– CHF / Con Lugano Card e Lugano Card City: 10.– CHF
Giovani (<26 anni): 10.– CHF / Con Lugano Card e Lugano Card City: 7.– CHF

Prenotazioni & prevendite
Sportello Foce
Via Foce 1, 6900 Lugano
T. +41 (0)58 866 48 00
sportello.foce@lugano.ch
Lunedì, mercoledì, venerdì: 08:00 – 12:00 / 13:30 – 17:30
Martedì, giovedì: 08:00 – 18:30
Sabato, domenica: 13:30 – 18:30
La sera dello spettacolo le casse aprono un’ora prima dell’inizio.

Sportello Molino Nuovo
Via Trevano 55, 6900 Lugano
T. +41 (0)58 866 74 47
Lunedì – venerdì: 08:00 – 12:00 / 13:30 – 17:30

Punto Città
Via della posta 8, 6900 Lugano
T. +41 (0)58 866 60 02
Lunedì, mercoledì, venerdì: 07:30 – 12:00 / 13:30 – 17:00
Martedì, giovedì: 07:30 – 18:00

- - - - - - - - - - - - - - - - - - -
>>> WWW.FOCE.CH