I protagonisti della nostra terra

aha! Centro Allergie Svizzera - Giornata Nazionale delle Allergie 2017: Svizzera tormentata da pollini e acari

I pollini sono tornati – come può confermare il 20 per cento circa della popolazione svizzera afflitto da naso e occhi che prudono. Gli allergeni non si trovano però solo all’esterno: all’interno ci pensano acari, muffe e compagnia bella a creare fastidi. Che fare? Il 23 marzo 2017, in occasione della Giornata Nazionale delle Allergie, aha! Centro Allergie Svizzera fornirà informazioni e consigli in sette stazioni svizzere.

Il sole e le temperature miti hanno dato il via alla diffusione dei pollini di nocciolo e ontano, a cui si stanno aggiungendo quelli di frassino e della fortemente allergenica betulla. In Svizzera, la stagione dei pollini è incominciata, provocando a una persona su cinque sintomi come naso che cola, raffiche di starnuti e occhi che lacrimano e prudono. Chi cerca riparo tra le mura domestiche è esposto anche lì a tutta una serie di sostanze e particelle che possono provocare allergie. «È un problema serio, considerato che trascorriamo il 90 per cento del nostro tempo all’interno - in casa, in ufficio, a scuola, in palestra», spiega il dott. Georg Schäppi, Direttore di aha! Centro Allergie Svizzera.

La Fondazione si sta adoperando per favorire un buon clima interno. In occasione della Giornata Nazionale delle Allergie 2017, che si terrà il 23 marzo, chi passerà dalle stazioni FFS di Basilea, Berna, Ginevra, Locarno, Losanna, Lucerna e Zurigo riceverà un opuscolo con informazioni importanti sulle allergie e consigli per una migliore qualità dell’aria all’interno dei locali.

Acari, muffa e saliva di gatto
Negli ultimi decenni, le malattie allergiche sono diventate sempre più frequenti. All’interno, oltre ai pollini impigliati negli abiti e nei capelli, anche gli acari provocano naso congestionato e occhi gonfi, come ben sa il 5-8 per cento dei bambini e degli adulti che in Svizzera reagisce a questi minuscoli e innocui ragnetti che vivono nei nostri letti. Senza contare l’effetto delle muffe sul respiro di molte persone. In questi casi, la soluzione è soprattutto una: acquistare rivestimenti antiacaro per i materassi, spolverare con cura, eliminare al più presto ogni traccia di muffa e arieggiare regolarmente – di preferenza di notte per evitare un’invasione di pollini. Il sistema immunitario degli allergici reagisce anche alla saliva e alle cellule epiteliali di gatti e cani, e alle piante d’appartamento come i ficus e i cactus. Le vie respiratorie e la pelle possono inoltre essere ulteriormente irritate da detergenti, materiali da costruzione e vernici.

«Come costruiamo la casa, arrediamo l’appartamento e ci viviamo influisce considerevolmente sul nostro stato di salute», continua il dott. Georg Schäppi. «Gli esperti della nostra Fondazione dispongono di ampie conoscenze sugli allergeni all’interno dei locali e le mettono volentieri a disposizione di chi chiede consiglio alla nostra consulenza telefonica gratuita.» Per avere un buon clima interno occorre fondamentalmente arieggiare bene due-tre volte al giorno per cinque-dieci minuti, mantenere l’umidità dell’aria sotto il 45 per cento e la temperatura tra i 19 e i 23 gradi, e tenere animali e piante fuori dalla camera da letto.

Opuscolo sulla Giornata Nazionale delle Allergie

 

L’aiuto di aha! Centro Allergie Svizzera