Attualità

Anno 43 - N. 1

Guglielmo Arrigoni direttore di Digital Strategy Academy ci racconta perché se non sai fare pubblicità nel modo giusto la tua azienda è destinata a fallire.

Se non promuovi il prodotto che vendi o il servizio che offri come speri che i clienti possano trovarti?
Per qualunque imprenditore è fondamentale far sapere in primo luogo che esiste e in secondo che il prodotto che propone è di buona qualità.
Pensa a quanto spendono le multinazionali in pubblicità: un mare di soldi!  Nel 2015 in Svizzera i marchi più pubblicizzati sono stati Apple iPhone 6, McDonald's, Jaguar XE, Mazda 2, Trivago.ch, scuola club Migros, BMW, Nestea Ice Tea, Visilab e Suva. [Fonte: CdT.ch]
Certo, loro ne hanno da investire, ma se li considerano, appunto, un “investimento” e non una spesa, un motivo ci sarà! Il mezzo più efficace per acquisire clienti, inutile dirlo, è ancora il passaparola, tanto semplice e gratuito all’apparenza quanto difficile da conquistare. È per questo che, pur in tempi di crisi come quelli che stiamo attraversando, il mercato pubblicitario ancora tiene. Basti citare questo dato: nel mese di agosto 2015 la spesa del settore pubblicitario elvetico si è attestata a 314 milioni di franchi, lo 0,8% in più dello stesso periodo del 2014.
Questo significa che il pubblico (e quindi il mercato) oggi è in continua evoluzione: non è più come una volta quando la clientela la intercettavi tramite tv e giornali.
Oggi il pubblico devi immaginarlo come qualcosa di fluido, come una corrente, che si muove da un posto all’altro. Prendiamo ad esempio il web: hai idea di quanti siano i “luoghi” in cui si muovono gli utenti? I singoli siti, Google, Facebook, Youtube, Twitter, Linkedin…per citare solo i più diffusi.
Il segreto per fare una pubblicità efficace è quello di seguire il pubblico dove esso si sposta.

Continua la lettura, corri in edicola o abbonati a Terra Ticinese