I protagonisti della nostra terra

Gruppo Ticinese Sportivi Ciechi

Dopo l’assemblea ordinaria del 40.esimo il Gruppo Ticinese Sportivi Ciechi è in piena attività. Il gruppo era nato in Cardada 40 anni fa grazie all’intraprendenza di due ciechi, Rino Bernasconi ed Elio Medici e del direttore della locale scuola svizzera di sci, Giorgio Piazzini.

Bernasconi e Medici con standing ovation assembleare sono stati omaggiati quali soci onorari. Entrambi affermano ancora oggi: “Andiamo a sciare non solo per il fatto di andare a sciare ma per stare assieme, per ritrovarci con persone amiche con le quali è bello stare assieme”. Rino Bernasconi aggiunge: “Se non vogliamo essere succubi dei pregiudizi impariamo a usare la parola cieco solo come aggettivo. Ci renderemo conto che non esistono i ciechi, ma solo delle persone cieche che saranno a seconda delle circostanze musicisti ciechi, fisioterapisti ciechi e alpinisti ciechi, ciclisti ciechi e sciatori ciechi.”

Il Gruppo ha effettuato il “corso guide” in dicembre a S.Moritz, è stato ad Arosa per un corso di aggiornamento dei maestri di sci che fungono da guida agli ospiti ciechi di quella stazione invernale e hanno appena trascorso una settimana di sci alpino e di sci di fondo a Moena, in Val di Fassa e un weekend a Madesimo. I fondisti hanno trascorso un weekend nella valle di Goms mentre i “racchettari” sono saliti al Monte Bar.

I prossimi appuntamenti sono previsti nella regione di Andermatt,  il 5 marzo  con le RACCHETTE; in Campra, l’11 marzo 2017 con gli SCI DI FONDO per poi chiudere la stagione invernale a S.Moritz, il 18 e 19 marzo (S.Giuseppe) con lo SCI ALPINO. Poi si entrerà nell’attività estiva con escursioni in tandem e pedestri.