Storie e tradizioni

Anno 42 - N. 5

Gli intricati albori della scuola pubblica nel primo Ottocento

Laura Patocchi Zweifel

Il problema della scuola obbligatoria non è mai stato affrontato quando il territorio del Canton Ticino, diviso in baliaggi, era soggetto alla dominazione elvetica (XVI-XVIII secoli). In quel periodo l’esistenza di una fitta rete di istituzioni scolastiche, affidate generalmente ad ecclesiastici (parroci e cappellani), è dovuta alla crescente richiesta di istruzione per risolvere i bisogni pratici delle comunità locali, spesso dietro mandato della comunità, ma anche per iniziativa di privati o associazioni varie. Queste scuole sono frequentate solo dai maschi mentre le ragazze per istruirsi devono ricorrere all’insegnamento privato o domestico imparando dalle madri o da qualche donna del paese.

 

Continua a leggere l'articolo, acquista Terra Ticinese in edicola e per non perderti i prossimi numeri abbonati tramite il sito Fontana Edizioni