Incontri

Anno 42 - N. 2

POESTATE: 20 anni di cultura in città tra la gente

di Giorgio Passera

Un importante anniversario è stato il pretesto per avvicinare Armida Demarta, che di questo evento è l’anima da tanti anni. Un’occasione per fare il punto su quanto è stato fatto e su quanto c’è ancora da fare. Con uno sguardo preoccupato per un futuro che non appare per nulla roseo e che dipenderà molto dalla generosità degli sponsor.

Festival POESTATE 20°sima edizione: un anniversario da festeggiare ricordando il passato o immaginando il futuro? “Un anniversario semplicemente speciale, e non solo per POESTATE ma anche per Lugano e per il Cantone Ticino, perché POESTATE è il primo e il più importante evento letterario internazionale del Cantone Ticino. Nato a Lugano nel 1997, fondato e diretto da me, è gestito nel suo insieme da tutti i partecipanti e da tutti i collaboratori che hanno contribuito alla riuscita di questo straordinario progetto culturale indipendente. Con la sua formula multidisciplinare ha portato in Ticino un nuovo concetto culturale e un nuovo modo di fare cultura, fatto di aperture sulla diversità e improntato alla pluralità, cosa rara in un Ticino piuttosto chiuso nel suo clima intellettuale provinciale. Il passato di POESTATE è caratterizzato da una linea continua di successi segnata da prestigiosi nomi di illustri ospiti. Un elenco di partecipanti ben superiore per quantità e qualità a quello di altri eventi letterari che sono nati dopo POESTATE”

Come ha fatto Armida Demarta a portare in piazza la poesia, una disciplina che la maggior parte di noi vive come un’esperienza intima, privata, da consumarsi in poltrona, nel silenzio della propria casa? “La poesia non è un’esperienza intima e privata da consumarsi nel silenzio della propria casa! Fior di autori e di testi sono consumati in collettività e in diverse espressioni artistiche, e POESTATE ha semplicemente seguito la sua traccia primordiale rendendola popolare ad uso e consumo di tutti, ha semplicemente messo al centro la poesia nell’universo delle proposte culturali”.

POESTATE = poesia, ma se seguiamo con attenzione le serate proposte scopriamo che questa espressione artistica è accompagnata e supportata anche da altre discipline: musica, teatro, filosofia, cinema. “La formula progettuale di POESTATE è da sempre di carattere multidisciplinare, dunque accoglie e ingloba diverse espressioni artistiche tra cui la musica o la filosofia o il teatro ecc., il tutto “passando attraverso” la poesia. Questa progettualità ha aperto la via a un nuovo concetto di proposta culturale rendendo più dinamica e globale l’offerta”.

POESTATE: una manifestazione in bilico tra realtà locale e resto del mondo. “POESTATE non è in bilico tra realtà locale e il resto del mondo ma è la sua colonna portante essere locale con espansione internazionale. Questo è semplicemente fantastico! Se guardiamo la storia di POESTATE si vede l’immenso lavoro di rete condotto con pazienza e continuità in tutte le sue edizioni”.

POESTATE si identifica con Armida Demarta, ma dietro di lei si nasconde un’organizzazione ben collaudata ed efficiente. “Un direttore artistico e un organizzatore «griffano» sempre un festival dando l’impronta progettuale esecutiva che viene poi ripresa dai vari collaboratori in un insieme di partecipazione attiva. Alcuni collaboratori fanno parte dell’organizzazione fin dal suo nascere, c’è tutta una direzione tecnica che è cresciuta con POESTATE, insieme a un dicastero della città, ma a fare POESTATE sono tutti i suoi ospiti e tutte le collaborazioni che lavorano per ogni edizione”.

Un’edizione che le è rimasta particolarmente viva nel cuore e nella memoria. “Tutte le edizioni sono particolarmente vive nella mia memoria, anche se ci sono delle edizioni particolarmente di punta che, con grande successo di ospiti e di pubblico, sono entrate nella storia del festival come memorabili. Basta dare un’occhiata al nostro sito www.poestate.ch per rendersi conto di quali e quanti ospiti l’hanno animata e di quanto varia sia stata e continua ad essere l’offerta. Inoltre chi vuole prendere contatto con noi lo può fare scrivendoci a questo indirizzo: info@poestate.ch.

Il futuro di POESTATE: quali prospettive in un contesto in cui lo sponsoring è sempre meno presente e meno generoso? C’è il pericolo che vengano privilegiate grosse manifestazioni che fanno audience e che vengano invece messi in secondo piano altri eventi riservati ad un pubblico specifico? “È vero: in Ticino, come altrove, viviamo un momento di crisi economica che tocca anche chi organizza eventi artistici e culturali. Ne soffrono soprattutto le manifestazioni che non hanno le spalle larghe, che ricevono sempre meno soldi e non godono di un’adeguata copertura mediatica. Il tutto va a scapito dell’audience; peccato, perché anche le iniziative “minori” meritano il loro spazio e nel loro piccolo servono a muovere gente e idee. Ma tant’è, POESTATE non si arrende! Io ho fiducia nelle persone che credono nel nostro progetto e nel nostro futuro. Il futuro di POESTATE? POESTATE è nato con il futuro nel DNA, il progetto culturale POESTATE ha anticipato i tempi. E dunque lunga vita a POESTATE :-)