La rimada

Anno 42 - N. 2

Vutazion! Ammò?

di Silvano Montanaro

Ci sono temi che ricorrono con una certa regolarità. Le votazioni, in certi periodi, sembra non vogliano darci tregua. Ognuna incomincia con mesi e mesi di anticipo e, dopo i giorni dedicati all’azione del votare, si tirano dietro uno strascico più o meno lungo. Tutto questo riduce ancora di più i “tempi di riposo” per noi aventi diritto. Chi, da diverse prospettive, si interessa a questo tema distingue bene i tre momenti in cui si sviluppa: prima, durante e dopo. Nella mia prima rimata su “Terra Ticinese”, lo scorso anno, mi sono occupato del “prima”. Questo mese abbiamo appena concluso le comunali che sono state caratterizzate, oltreché dai consueti movimenti, dall’introduzione del voto per corrispondenza generalizzato. Chi non ha mai ritenuto di esercitare questo diritto, per mille motivi, è stato, volente o nolente, coinvolto e stimolato a pensare anche alla propria città. Il materiale di voto se lo è trovato nella bucalettere (teniamoci caro questo ticinesismo). La possibilità di votare per posta, estesa a livello comunale, ha aperto nuovi orizzonti per questo aspetto della politica. Forse ha suscitato perplessità e anche qualche dubbio. La pensa così anche il mio grafico di fiducia.

 

Vutazion! Ammò?

E anca quescta l’è passada! / L’era mia propi scüntada. / Una sctrana vutazion / par la gent dal noss Canton. // Podum dì che pai cumün, / l’ha schivada pü nissün! / Voto par curiscpundenza, / un prublema da cuscienza. // Materiale a domicilio, / denta in cà, quasi un esilio! / Chi cumanda jà dì bacsta. / Dess sa vota tücc!..Par poscta. // E un bell dì passa ul pusctin / a purtat ul pachetin. / Trövat dent na la casela / tüta quela papardela. // Via da cursa fà sü i scal / par stüdià quell material. / Süla buscta, ch’emuzion, / «MATERIAL PAI VUTAZION» // Fet par verd, l’et già sctrasciada / sü la riga füsctelada. / Forse culpa da la cola; / la tegn mia l’è tropa mola. // Pö ta legiat in grassett / un avis, un trafilett / pai tarocch cumpagn da mi; / gh’è sü scritt: “APRIRE QUI”. // Atenzion a quela büscta / da mia pèrdala da viscta. / Duvaret ammò doprala,/  impienìla e riscpedìla. // Ta ripetat l’apertüra, / püssée lenta ma sicüra. / Pö cumincia l’esercizi / dal gran pozz da San Patrizi. // Attesctati, föi cui büsct, / ga n’è dent par tütt i güst. / Atenzion mia fà casott, / cui crusett l’è cumè ul lott. // E cuminciat la tua scelta; / ma l’è pü na roba scvelta. / Fet cun calma, senza pressa, / l’è mia ‘l seggio cun la ressa. // Set mia dent in quell gabbiott / trabalent e già tütt rott. / Cun la sctanga e la tendina / che la ciama candegina. // Gh’è pü in gir gent che ciciara, / la simpatica cagnara, / purparlé denta in palestra / e incuntrà la tua maesctra. // No, sett li, sett dent in cà, / cun i to comodità. / Catà föra ‘l candidato / in pultrona, rilassato. // Cert quaicoss l’è sctai cambiàa, / nüm l’emm mia discmentegàa. / E i pensèe i ma cur indrè, / quando gh’era quel piasè, // che ta dava un’emuzion. / Forse l’ünica ucasion / da discüt e da cumbatt / e da vegh quell bell cuntatt. // Incuntrass cun i to amiis / vegnüü vecc, cui cavi griis. / Gent da destra e da sinistra/  da ‘n quai ann perdüü da viscta. // A gh’é pü da cunession / tra votanti e isctitüzion. / Tütt par poscta o par imeil. / Ubietiv: riscparmià ghei! // Ma vegn propi da pensà: / ma l’é inscì che sa dev fà? / Bei sisctemi che gh’è adess: / autumatich cul vairless! // Sctem atent, che tütt un bott / i met sindich un robot. / Un effetto mia tant bon / da la globalizzazion. // L’informatica dilaga / un vera e propria piaga. / Pori nüm che vegnum vecc,/  a pensagh a ma vegn frecc!